radio-300x176-1.png

Chiusura della SS18 di Maratea. Il Comitato “Mo Basta” e le Associazioni di categoria sollecitano provvedimenti immediati

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa

Il Comitato “Mo Basta” unitamente a diverse associazioni di categoria di Maratea (Federalberghi Confcommercio, Confesercenti e Assoturismo) e al Comitato cittadino “SS18” esprime profonda preoccupazione e sdegno per la gestione della problematica SS18 da parte del Sindaco e Commissario Straordinario Daniele Stoppelli.

La chiusura prolungata della strada SS18 da mesi ha causato notevoli disagi alla popolazione locale e danni considerevoli al settore turistico, mettendo a repentaglio la vivibilità e lo sviluppo economico della nostra comunità. La mancanza di azioni concrete e tempestive da parte delle autorità competenti è del tutto inaccettabile!

Inoltre, riteniamo allarmante la mancanza di trasparenza nel processo decisionale da parte del Sindaco Stoppelli. La popolazione locale è stata lasciata all’oscuro riguardo ai dettagli e ai tempi previsti per la riapertura della strada, e siamo fermamente convinti che la comunicazione con i cittadini debba essere una priorità assoluta per un’Amministrazione responsabile e competente.

Le recenti dichiarazioni del Sindaco, secondo cui i cittadini dovrebbero ricercare informazioni sull’Albo Pretorio del Comune, sono del tutto assurde. L’Albo Pretorio dovrebbe essere utilizzato per gli atti ufficiali del Comune, non come unico strumento di comunicazione con la popolazione!
Come Sindaco e Commissario Straordinario, Stoppelli dovrebbe assumersi piena responsabilità, risolvere tempestivamente la situazione e tenere aggiornati i cittadini anziché scaricare le proprie responsabilità su altri enti.

Chiediamo pertanto al Sindaco Daniele Stoppelli di assumere immediatamente provvedimenti concreti e trasparenti per garantire la riapertura tempestiva della strada SS18 e chiediamo che sia organizzato un incontro pubblico per aggiornare la popolazione.

Il Comitato “Mo Basta” e le associazioni di categoria del territorio rimarranno vigili e determinati nel monitorare la situazione e nel difendere gli interessi della nostra comunità.

Condividi questo articolo
Torna su