radio-300x176-1.png

Castrovillari. “Droga, armi e munizioni” ritrovate in una scarpata

Sette chili di marijuana, due pistole e 191 munizioni di vario calibro. Questo quanto ritrovato dai Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria tra gli arbusti di una scarpata, nei pressi di un’abitazione di un ragazzo di 21 anni, coinvolto nell’operazione antidroga dei Carabinieri dell’uno marzo, che ha portato all’arresto di sette persone. Il giovanissimo, al quale era stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, è stato immediatamente arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Il comunicato stampa dei Carabinieri

Durante l’operazione dei Carabinieri coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari che, alle prime luci dell’alba dell’01 marzo, ha portato all’arresto di 7 persone in esecuzione di una misura di custodia cautelare poiché ritenuti responsabili, in virtù degli elementi raccolti ed in attesa dei successivi sviluppi considerata l’attuale fase del procedimento, dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, i militari dell’Arma hanno messo a segno un altro duro colpo alla criminalità.

Infatti, all’esito della perquisizione domiciliare delegata dalla Procura di Castrovillari nei confronti di S.L., cl. 03, il prezioso contributo offerto dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria e dal fiuto del cane anti-droga del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia ha portato al rinvenimento di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente, armi e munizioni.

Dopo aver accuratamente ispezionato tutta l’abitazione del ragazzo, gli infallibili Cacciatori di Calabria, specializzati ed addestrati nella ricerca in zona impervie e di difficile raggiungimento, si sono letteralmente calati in una scarpata adiacente l’immobile, caratterizzata da fitta vegetazione composta per lo più da canne di bambù.

Rovistando tra gli alti arbusti, i Carabinieri hanno trovato tre bidoni in plastica con all’interno diverse buste contenenti marijuana, tutta già in infiorescenza e pronta per essere immessa nel mercato al dettaglio. La forma, il colore e gli adesivi dei contenitori era coincidente con un ulteriore bidone trovato nella piena disponibilità del soggetto.

È a questo punto che le operazioni di ricerca si sono allargate in tutta l’area dove, al termine della ricognizione, sono stati trovati ulteriori 3 bidoni, al cui interno vi erano in totale più di 7 chili di marijuana.

Ma non è tutto. In altri secchi da vernice ancor più nascosti tra la vegetazione, i Cacciatori hanno rinvenuto due pistole: si tratta di un revolver calibro 11, modificato in calibro 36, ed una pistola Beretta con matricola abrasa. Entrambe le armi erano ben oliate, in buono stato di conservazione ed avvolte tra indumenti, carta di giornale e cellophane. Oltre a ciò anche 191 munizioni di vario calibro, sia per armi lunghe che per armi corte.

Coordinati direttamente dallo stesso Procuratore della Repubblica, dottor Alessandro D’Alessio, il giovanissimo, al quale era stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, è stato immediatamente arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Il soggetto, da considerare comunque presunto innocente fino a sentenza passata in giudicato, è indagato per i reati di detenzione illegale di armi ed arma clandestina, nonché di sostanza stupefacente.

Condividi questo articolo
Torna su