radio-300x176-1.png

Praia a Mare. “Il tempo libero dedicato alla conoscenza”. Aede ha presentato il suo progetto

Un progetto ambizioso quello presentato ieri, giovedì 02 maggio, al Palazzo delle Esposizioni di Praia a Mare. L’associazione Aede punta su laboratori tematici che vanno a ripescare tanto nella tradizione, quanto negli ambiti più moderni; gli obiettivi, anche, si dividono tra recupero delle radici e uso consapevole della tecnologia.

Tra le “materie” a disposizione dei “provetti alunni” ci sono pittura, ricamo, riciclo dei materiali, ma anche conoscenza dei social media, corretta comunicazione ed educazione alla lettura; quest’ultimo, ad esempio, avrà il compito di valorizzare la biblioteca comunale che, sempre nell’edificio sito in via Leonardo da Vinci, ha trovato una nuova dimora. I laboratori si rivolgono a un’ampia fascia di età, che va dagli otto ai venti anni, e saranno effettuati fino a giugno 2025.

Ora, però, bisogna trovare persone pronte a iscriversi e ad abbracciare il progetto “Usiamo il tempo libero per acquisire nuove conoscenze”. Per fare questo, quindi, ci vuole la collaborazione delle altre associazioni. I corsi saranno tenuti da esperti del settore.

A spiegare tutto è stata la segretaria della sezione locale dell’associazione Aede, Maria Angela Civale. Al suo fianco, il sindaco di Praia a Mare, Antonino De Lorenzo, e la delegata alla Cultura, Isabella Bencardino. Tra il pubblico erano presenti anche i componenti della maggioranza Elisa Selvaggi, Maria Pia Malvarosa e Stefano Faviere.

Come detto dal primo cittadino, c’è necessità di dare un’alternativa concreta ai giovani, proprio per toglierli dalla strada. Il tempo libero può essere impiegato per imparare con spensieratezza, che non è sinonimo di superficialità, qualcosa che risvegli la creatività e la curiosità.

In quest’ottica, ha spiegato la Civale, Aede è pronta ad accogliere nuove idee, che potranno dare inizio anche ad altri laboratori. Resta in piedi sempre la volontà di far nascere il “Giornale di Praia”, gestito da parte dei giovani.

Condividi questo articolo
Torna su