AMBIENTE. SAN SAGO DI TORTORA. IL SINDACO ANTONIO IORIO: “LA NOSTRA LOTTA CONTINUA”

Impianto di eliminazione rifiuti pericolosi e non di San Sago. Parla il sindaco di Tortora, Antonio Iorio. Pubblichiamo il comunicato stampa.
La sospensione dell’indizione della conferenza dei servizi ci ha dato la possibilità di guardare al futuro con ottimismo, consapevoli che la strada per scongiurare definitivamente la riapertura dell’ “impianto dei rifiuti pericolosi e non” di San Sago è ancora lunga ed in salita.
Nel momento di maggiore delicatezza e preoccupazione, la forte presa di posizione della Regione Calabria, in particolare del Presidente Occhiuto e del dirigente del Dipartimento Ambiente, Ing. Siviglia, che ringraziamo per la sensibilità dimostrata e l’impegno sul tema ambientale nella nostra Regione, ci fa ben sperare sulla valutazione in ordine alla copiosa corrispondenza pervenuta da più parti.
Siamo certi che l’istanza avanzata dal Comune di Tortora, che sarà esaminata dagli uffici legali dei Dipartimenti delle Regioni Calabria e della Basilicata, servirà per trovare una soluzione unanime e mettere gli uffici nelle condizioni di poter riesaminare la documentazione in tutta trasparenza e serenità, al fine di ottenere le revoche delle autorizzazioni su un impianto che sicuramente non è strategico e non serve né alla Regione Calabria, né alla Basilicata.
Auspichiamo in una collaborazione sinergica tra la Regione Basilicata e la Regione Calabria; in questi mesi abbiamo avuto modo di confrontarci più volte con i rappresentanti di entrambe le Regioni, per cui ringraziamo per la disponibilità e l’ascolto l’assessore all’Ambiente Basilicata, Cosimo Latronico, e il Vicepresidente del Consiglio Regionale Basilicata, Mario Polese. Ringraziamo inoltre il Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, per aver dimostrato grande sensibilità su un tema così caro e importante per tutti i cittadini.
Riconosciamo una decisione politica che mette al centro le richieste e le esigenze del territorio e la necessità di tutelare la salute dei cittadini e la salvaguardia dell’ambiente. Infine ringraziamo tutti i Sindaci della Lucania e dell’Alto Tirreno Cosentino intervenuti, il Comitato a difesa del Fiume Noce, le Associazioni Ambientaliste, l’Associazione Libera, il Sindacato Italiano Balneari, il Flag, Federalberghi Maratea, Associazione Pescatori di Maratea e tutti coloro che sono al fianco del Comune di Tortora a supporto e sostegno delle azioni messe in campo.

Mai come in questo momento c’è bisogno di unione di intenti, siamo certi che con la presenza e l’aiuto di tutti si riescano a raggiungere risultati e obbiettivi che hanno come prerogativa la condivisione del bene comune.

Condividi questo articolo
Torna su