radio-300x176-1.png

A caccia di discariche abusive. Ecco la passeggiata ecologica lungo la Sp263 che unisce Belvedere a Sant’Agata di Esaro

Condividi questo articolo

Camminare tra la natura e ripulire l’ambiente. Si chiama plogging; fa bene al fisico, forse un po’ di meno all’umore, soprattutto se ci si trova davanti a una serie di discariche abusive frutto dell’inciviltà e dell’incuria. Stamani, sabato 16 settembre, a partire dalle ore nove, i volontari delle associazioni Ambiente Vivo di Sant’Agata di Esaro e Futura di Belvedere Marittimo si sono messi in marcia dalle ore 9 del mattino, lungo la ex statale 105, oggi strada provinciale 263.

Nove chilometri di asfalto che uniscono Belvedere Marittimo a Sangineto. I volontari sono partiti dall’ex Casa Cantoniera e lungo il tragitto hanno ritrovato di tutto, tra cui pneumatici e pezzi di ingombranti. In poco tempo sono stati riempiti ben tre pickup, ma i dati completi verranno diramati nei prossimi giorni.

Tra coloro che hanno preso parte all’iniziativa Filippo Perrone e Giovanni Martucci, consiglieri comunali di maggioranza di Belvedere Marittimo; Emanuela Monita e Santino Rumbolo consiglieri comunali di minoranza di Sant’Agata di Esaro; presente il docente Unical, nonché opinionista della nostra emittente radiofonica, Walter Nocito e Marisa Greco ideatrice della Giornata ecologica e referente territoriale di Ambiente Vivo.

A promuovere l’iniziativa il Comune di Belvedere Marittimo. Sarà infatti la Calabra Maceri, la ditta che gestisce il servizio di nettezza urbana nel comune di Belvedere Marittimo, a occuparsi dello smaltimento.

Condividi questo articolo

Per restare sempre aggiornati in tempo reale iscriviti al nostro canale WhatsApp di Radio Digiesse News e sulla nostra pagina Facebook

Torna su