LONGOBARDI. DOMENICA 13 NOVEMBRE APRE IL PRIMO SPAZIO DELL’ASSOCIAZIONE “GYNESTRA”

Apre a Longobardi il primo spazio dell’associazione Gynestra. Largo Gynestra: luogo di socialità, cultura e ascolto. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa

 Apre dopo oltre un anno di attività il primo spazio di Gynestra, associazione sul territorio di Longobardi che organizza eventi e attività socioculturali e artistiche sulla base di principi inclusivi e femministi.

Largo Gynestra, questo il nome scelto dall’associazione per la sede, è un luogo che a partire da domenica 13 novembre alle 19:00, in Largo Creo 20, sarà aperto al pubblico e diventerà un incubatore di attività e di crescita, e punto di ritrovo.

Una serata per confrontarsi e conoscersi davanti a un aperitivo, durante la quale tutti e tutte potranno contribuire alla creazione di un murales collettivo, ascoltando buona musica grazie alla jam session organizzata, aperta a chiunque volesse prenderne parte.

Vari i laboratori che partiranno nelle prossime settimane presso la nuova sede tenuti da professioniste e professionisti in vari ambiti: corso di italiano per stranieri, corso di inglese per tutti i livelli e le età, incontri di danze popolari del sud Italia, laboratorio di danza di comunità, e un doposcuola per i più piccoli.

Altre attività prenderanno forma inoltre a partire dal nuovo anno, come ad esempio il laboratorio di fotografia, che partirà a gennaio.

Durante il primo anno di attività Gynestra, pur non avendo ancora una sede fisica, ha organizzato vari eventi socio culturali dedicati all’incontro e alle connessioni, diventando così un ambiente collettivo di riferimento del territorio, a volte carente di ritrovi in cui ci si possa riconoscere.

Largo Gynestra, oltre ad essere un luogo in cui si propongono varie attività e laboratori, vuole diventare uno spazio di ascolto per la comunità, attraverso un lavoro principalmente collettivo, cercando di avvicinarsi alle necessità che a volte possono verificarsi su aree svantaggiate come quella di Longobardi.

Condividi questo articolo
Torna su