radio-300x176-1.png

CALABRIA. DIAMANTE. LUNEDì 11 APRILE INTITOLAZIONE DELLA SALA CONSILIARE A “ERNESTO CASELLI”

Lunedì 11 aprile alle ore 17,30, a Diamante presso il Palazzo di Città nel corso del Consiglio Comunale si svolgeranno: l’intitolazione della rinnovata sala consiliare a Ernesto Caselli, il gemellaggio tra Diamante e Potenza citta di Tappa del Giro d’Italia, il conferimento della Cittadinanza Onoraria ai genitori di Michele Scarponi.

Importante appuntamento per la comunità di Diamante il prossimo lunedì 11 aprile: nel Palazzo di Città, con inizio alle ore 17:30, si terrà un Consiglio Comunale che vivrà di diversi e significativi momenti. Prima di aprire i lavori del Consiglio Comunale, si procederà alla Cerimonia di Inaugurazione e Intitolazione della rinnovata Sala Consiliare al compianto Ernesto Caselli, indimenticato sindaco, prematuramente scomparso nel 2019, che ha ricoperto ben tre mandati da Primo Cittadino, lasciando un segno indelebile nella storia cittadina e nella memoria collettiva. Nel corso del Consiglio Comunale verrà conferita la cittadinanza onoraria ai genitori del grande campione di ciclismo, Michele Scarponi, prematuramente scomparso nel 2017 in un incidente stradale e il cui ricordo vive nella fondazione a lui dedicata, impegnata in progetti finalizzati all’educazione e al corretto comportamento stradale a una cultura del rispetto delle regole e dell’altro. La Fondazione Michele Scarponi è stata già molte volte protagonista di iniziative svoltesi a Diamante. La cerimonia ufficiale di consegna della cittadinanza onoraria ai genitori di Michele Scarponi avrà luogo a Diamante il 13 maggio, giorno della partenza della 7 a tappa del Giro d’Italia. Inoltre, sempre nella stessa seduta del Consiglio, sarà sancito il patto di gemellaggio, tra Diamante e Potenza, rispettivamente città di partenza e di arrivo della settima tappa del Giro d’Italia che si terrà il prossimo 13 maggio. Un’ampia delegazione del Comune di Potenza sarà presente per suggellare un gemellaggio nato nel nome della Corsa Rosa e dell’universalità del linguaggio sportivo che supera confini, lingue, religioni e ideologie, e che, in questo caso, consoliderà l’incontro tra le due comunità creando una ulteriore fonte di arricchimento culturale, sociale e turistico.

Condividi questo articolo
Torna su